Esame di registro

In linea con la legge 4/2013, AIM ritiene fondamentale che il Professionista della Musicoterapia debba dimostrare di aver acquisito, oltre ad una adeguata formazione, capacità progettuali e di intervento che qualifichino la sua professionalità e l’Associazione di cui è socio.
Ciò è garanzia di qualità per l’utenza e per la committenza istituzionale e contribuisce ad una corretta divulgazione della disciplina facilitandone la sua applicazione.

La sessione d’esame AIM 2018 si è svolta a Bologna il 16 marzo.
Ulteriori sessioni d’esame saranno organizzate in base alle richieste pervenute, anche durante l’anno, in differenti sedi sul territorio nazionale.
Chi fosse interessato può contattare direttamente la segreteria.

 
 
 

Professionisti di Grandi Esperienza

L’associazione AIM intende riconoscere le professionalità presenti nel mondo della musicoterapia. Tuttavia ciò non può prescindere da una propria valutazione.
Pertanto i professionisti di grande esperienza che presentano i requisiti previsti possono iscriversi ad AIM tramite un esame con procedura semplificata.
Tale procedura prevede:

  1. la verifica dei requisiti richiesti (titoli di studio, esperienze lavorative, supervisori a cui è stato sottoposto il proprio lavoro clinico, aggiornamento professionale)
  2. una prova orale: presentazione di un progetto realizzato dal candidato, tramite power point con breve video o audio (deve obbligatoriamente essere presente un elemento sonoro). Su tale presentazione, sarà condotta una discussione alla presenza dei Commissari di esame della durata di circa 30 minuti. Il candidato dovrà inoltre consegnare una scheda riepilogativa del progetto svolto che riporti le seguenti informazioni: ambito di intervento in MT, soggetti coinvolti, approccio musicoterapico, finalità e obiettivi, periodo di svolgimento, numero sedute, breve sintesi del contesto da cui si estrapola l’elemento musicoterapico analizzato.

 
La situazione riconosciuta da AIM quale professionista di “grande esperienza” è così definita:

  • almeno 10 anni di attività lavorativa nel settore della Musicoterapia come libero professionista e/o dipendente nel settore pubblico o privato
  • avere svolto almeno 1000 ore di musicoterapia.

A fronte di tali requisiti minimi, è prevista una serie di compensazioni ed equivalenze per quanto riguarda le esperienze specifiche, come di seguito indicato:

  • ogni 60 crediti di corsi di formazione frequentati (diversi da quelli finalizzati alla iscrizione ai registri dei Musicoterapeuti), relativi a discipline inerenti l’area della Musicoterapia, sono riconosciuti come sostitutivi di un anno di esperienza lavorativa specifica
  • l’iscrizione a Collegi ed Ordini professionali da più di tre anni, relativa a professioni affini e/o complementari legalmente riconosciuti, è ritenuta sostitutiva di un anno di esperienza lavorativa specifica.

Non possono essere sostituiti più di 2 anni di esperienza lavorativa specifica sui 10 anni richiesti per la “grande esperienza”.

Scarica i documenti d’esame per professionisti di grande esperienza:

Autocertificazione titoli e lavoro