Regolamento

Regolamento per i Professionisti della Musicoterapia AIM

 

1. CHI È IL MUSICOTERAPEUTA AIM

I musicoterapeuti AIM (MT AIM) operano per il benessere individuale e collettivo così come formulato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”. In questo senso il termine “terapia”, all’interno della disciplina Musicoterapia, non è inteso in una accezione strettamente sanitaria, ma in riferimento alla nozione estensiva di “salute”.
La Musicoterapia è pertanto impiegata in ambito educativo, preventivo, riabilitativo e socio-sanitario come risorsa complementare aggiuntiva, su indicazione e sotto la responsabilità di personale sanitario.

I musicoterapeuti AIM utilizzano pratiche attente ai processi creativi sia individuali sia collettivi:

  • accolgono la richiesta della committenza e formulano ipotesi di intervento, realizzando progetti in una dinamica di ascolto e reciprocità
  • nell’ambito di un intervento di musicoterapia, fondano e sostengono una relazione diadica, di gruppo e di comunità
  • attivano e conducono processi comunicativi che promuovono l’accoglienza, il riconoscimento e l’integrazione di ciascun utente
  • suscitano e sostengono i processi creativi, creando un clima affettivo e positivo che sostenga l’ascolto, l’empatia e il riconoscimento reciproco
  • durante il percorso predispongono e utilizzano strumenti di verifica e validazione degli interventi, per comunicare i risultati osservati, cooperando e dialogando in contesti ed équipe multidisciplinari.

In linea con la definizione della World Federation of Music Therapy, la musicoterapia è l’uso professionale della musica e dei suoi elementi da parte di un musicoterapeuta qualificato con individui, gruppi, famiglie o comunità che cercano di migliorare la loro qualità di vita e la loro condizione fisica, sociale, comunicativa, emotiva, intellettiva e spirituale. La ricerca, la pratica, l’educazione e la formazione in musicoterapia si basano su standard professionali in base a contesti culturali, sociali e politici (WFMT, 2011).

 
2. CRITERI DI ACCESSO ALLA ASSOCIAZIONE

AIM ritiene fondamentale, anche in ottemperanza alla legge 4/2013 e alla Norma Uni 11592:2015, che il MT AIM debba dimostrare di aver acquisito, oltre ad una adeguata formazione, capacità progettuali e di intervento che qualifichino la sua professionalità e l’Associazione di cui è socio.

Tale professionalità è garanzia di qualità per l’utenza e per la committenza istituzionale
e contribuisce ad una corretta divulgazione della disciplina, facilitando la sua applicazione, oltre a riconoscere l’AIM quale associazione professionale di riferimento sul territorio nazionale.
Possono iscriversi ad AIM i professionisti della musicoterapia secondo le seguenti modalità:

  • Iscrizione in qualità di socio neo-professionista
  • Iscrizione in qualità di socio professionista mediante Esame AIM
  • Iscrizione per professionisti di grande esperienza mediante Colloquio d’ingresso.

 

2.1 Richiesta di Iscrizione in qualità di socio neo-professionista
Il “socio neo professionista” avrà la possibilità di usufruire della assicurazione stipulata da AIM a quota agevolata e di partecipare agli incontri di formazione/aggiornamento/supervisione
professionale organizzati da AIM (ad es., osservatore nei gruppi tematici, giornate di formazione su temi trasversali, Mt Day, supervisione e formazione – legislazione, progettazione, relazioni sul lavoro, GDPR).

Requisiti minimi per l’ammissione ad AIM in qualità di socio neo-professionista:

  1. possesso di un Attestato di formazione in Musicoterapia conseguito presso un Corso tra quelli identificati dalla associazione come valido
  2. essere in regola con il pagamento della quota associativa ridotta.

La qualità di socio neo-professionista potrà essere mantenuta per un periodo non superione a due anni entro i quali dovrà sostenere l’esame Aim per iscriversi in qualità si socio professionista (punto 2).
Per ottenere lo stato di socio professionista AIM (punto 2), accedendo quindi all’esame relativo, il socio neo-professionista dovrà attestare almeno 100 ore di lavoro e attestare la partecipazione alle proposte di formazione/aggiornamento/supervisione organizzate dalla associazione.

2.2 Richiesta di Iscrizione in qualità di socio professionista mediante Esame AIM
La documentazione sarà esaminata da una commissione che valuterà l’ammissibilità dei singoli candidati.
Requisiti minimi per l’ammissione del candidato all’esame AIM:

  1. possesso di un Attestato di formazione in Musicoterapia conseguito presso un Corso tra quelli identificati dalla associazione come valido.
  2. il candidato deve avere svolto attività lavorativa in musicoterapia successivamente al percorso formativo, per almeno 100 ore
  3. attestare la partecipazione a eventi di formazione/aggiornamento/supervisione.

2.3 Richiesta di iscrizione per professionisti di grande esperienza mediante Colloquio d’ingresso

I professionisti “di grande esperienza” possono iscriversi ad AIM tramite una specifica procedura che prevede la verifica dei requisiti richiesti e un colloquio d’ingresso.
La documentazione sarà esaminata da una commissione che valuterà l’ammissibilità dei singoli candidati.
La situazione riconosciuta da AIM quale professionista di “grande esperienza” è così definita:

  1. possesso di un Attestato di formazione in Musicoterapia conseguito presso un Corso tra quelli identificati dalla associazione come valido
  2. almeno 8 anni di attività nel settore della Musicoterapia come libero professionista e/o dipendente nel settore pubblico o privato
  3. avere svolto almeno 1000 ore di musicoterapia
  4. attestare la partecipazione a eventi di formazione/aggiornamento/supervisione.

 

3. REQUISITI PER LA PERMANENZA

Per la permanenza negli elenchi il professionista AIM ha l’obbligo di adempiere ad alcuni requisiti specifici, come previsto dall’art. 6 dello Statuto e in riferimento alla legge 4/2013:

  1.  versare la quota associativa annuale
  2. all’osservanza dello Statuto AIM
  3. rispettare il codice deontologico, i regolamenti e le deliberazioni AIM
  4.  all’obbligo di informare l’utenza del proprio numero di iscrizione all’Associazione
  5. avere effettuato l’aggiornamento professionale richiesto dalla Associazion
  6.  avere un’assicurazione di responsabilità civile per rischi derivanti dall’esercizio della professionE
  7.  lavorare prevalentemente in musicoterapia.

In relazione all’obbligo di informare l’utenza del proprio numero di iscrizione alla associazione, il professionista AIM è tenuto inoltre ad inserire in ogni fattura e documento ufficiale il numero di iscrizione ad AIM con la seguente dicitura: Professionista disciplinato ai sensi della legge n. 4 del gennaio 2013; Iscritto alla Associazione Italiana Professionisti della Musicoterapia n. …..- (anno di iscrizione)

Il socio decaduto e non più iscritto alla associazione da oltre 1 anno, potrà nuovamente iscriversi ad AIM dopo una verifica sulla persistenza dei requisiti richiesti per la permanenza in AIM e, ove necessario, aver superato un colloquio.

 

4. AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE E CREDITI FORMATIVI
L’AIM afferma il valore della formazione continua al fine di mantenere ed elevare la qualità professionale dei propri associati. A tale scopo, l’Associazione si impegna a garantire eventi organizzati annualmente ed offerti come occasione di scambio e approfondimento professionale.
I professionisti AIM, come previsto dallo Statuto ed in ottemperanza alla Legge 4/2013, sono tenuti ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento professionale raccogliendo almeno 30 Crediti Formativi ogni 3 anni.
L’Associazione invita i propri iscritti a rendere ampia e varia la tipologia di eventi frequentati per i quali è considerato il rapporto 1credito ogni ora in linea con le proposte inserite nella relativa pagina formazione continua. I professionisti AIM sono altresì tenuti a conservare l’attestazione originale degli incontri frequentati.

4.1 Modalità di documentazione e verifiche
Le attestazioni e autocertificazioni richieste dal presente Regolamento saranno conservate a cura del socio. Tale documentazione potrà essere richiesta dagli organismi direttivi dell’Associazione in qualsiasi momento.
Per ciò che attiene alle autocertificazioni esse verranno prodotte ai sensi dell’articolo 3, comma 11 della Legge 15 maggio 1977, n°17 e successive modifiche e integrazioni.

 

5. VERIFICHE E SANZIONI

5.1 Verifica periodica dei requisiti
Annualmente ogni iscritto all’Associazione deve dimostrare di possedere tutti i requisiti richiesti:
• aver rispettato il codice deontologico di AIM;
• aver rispettato i regolamenti e le deliberazioni di AIM;
• aver effettuato l’aggiornamento professionale previsto;
• possedere un’assicurazione professionale per rischi derivanti dall’esercizio della professione;
• aver versato la quota associativa annuale.
Il CD si riserva la facoltà di svolgere periodici controlli nel merito di quanto dichiarato dagli iscritti. Oltre alle normali verifiche, periodicamente, potranno essere attuate verifiche su tutti i soci circa gli adempimenti relativi alla formazione continua.

5.2 Sanzioni
Come previsto dallo Statuto, in caso di inadempimento dei requisiti si dà mandato al Collegio dei Probiviri di analizzare ciascun caso e stabilire la sanzione adeguata.

 
Regolamento approvato dal Consiglio Direttivo, 21 novembre 2018