In linea con la definizione della World Federation of Music Therapy, la musicoterapia è l’uso professionale della musica e dei suoi elementi da parte di un musicoterapeuta qualificato con individui, gruppi, famiglie o comunità che cercano di migliorare la loro qualità di vita e la loro condizione fisica, sociale, comunicativa, emotiva, intellettiva e spirituale. La ricerca, la pratica, l’educazione e la formazione in musicoterapia si basano su standard professionali in base a contesti culturali, sociali e politici (WFMT, 2011).

In Italia la musicoterapia rientra tra le nuove professioni disciplinate dalla Legge 14 gennaio 2013, n.4 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi” http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/01/26/13G00021/sg

Nell’ottobre 2015 è inoltre stata pubblicata la Norma UNI 11592:2015 Attività professionali non regolamentate – Figure professionali operanti nel campo delle Arti Terapie – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”. Tali requisiti sono declinati in termini di conoscenze abilità e competenze in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualification Framework – EQF).

Il Musicoterapeuta definito dalla Norma UNI 11592:2015 è un Professionista formato che utilizza pratiche specifiche, attente ai processi creativi sia individuali sia collettivi; opera cooperando e dialogando in contesti ed équipe multidisciplinari.

La Musicoterapia è pertanto impiegata nei contesti educative, preventive, riabilitative e clinici come risorsa complementare aggiuntiva, su indicazione e sotto la responsabilità di personale sanitario.

Vedi chi è il musicoterapeuta AIM: https://www.aiemme.it/lassociazioneaim/regolamento/